Accedi/Registrati

Francisco Ferrer y Guardia

Mezzo: Lapide
Epigrafe: Al fondatore della scuola moderna / irradiante gli splendori del vero / contro le tenebre del dogma / fucilato il 13 ottobre 1909 / Francesco Ferrer / per voto di popolo / il 14 ottobre 1909.
Date: 13 Febbraio 1910 (creati)
Ubicazione: Asti, Casa del popolo
Condizioni: Dato non pervenuto
Descrizione fisica: Lapide di marmo.
Nota storica sul monumento: Il 14 ottobre 1909, un’imponente manifestazione aveva attraversato la città di Asti in segno di protesta contro l'esecuzione di Francisco Ferrer e al termine aveva deliberato all'unanimità di innalzare un ricordo marmoreo all'educatore catalano. Il 13 febbraio 1910, Luigi Campolonghi, dopo una partecipata manifestazione, commemorò Francisco Ferrer e inaugurò la lapide collocata alla Casa del popolo, opera del pittore astigiano Giulio Musso e realizzata dal marmista Ermenegildo Rissone. Il testo della lapide fu dettato dall’avvocato Annibale Vigna e il prefetto riuscì a far modificare una frase, ritenuta offensiva nei confronti dei gesuiti.
La lapide venne rimossa e distrutta in epoca fascista.
Contesto storico: Francesc Ferrer i Guàrdia, noto anche con la variante castigliana di Francisco Ferrer y Guardia o di Francisco Ferrer (Alella, 10 gennaio 1859 – Barcellona, 13 ottobre 1909), è un libertario, educatore e libero pensatore spagnolo, fondatore delle scuole moderne razionaliste. Inviso alla Chiesa cattolica, che in Spagna ha il monopolio dell'educazione, nell'estate del 1909 viene accusato ingiustamente di essere uno dei promotori dei moti popolari di Barcellona, passati alla storia come Semana trágica. Giudicato da un tribunale militare, dopo processo sommario e condizionato da prove artefatte e false testimonianze, Ferrer è condannato a morte e fucilato il 13 ottobre 1909 nella fortezza di Montjuich a Barcellona. In tutto il mondo, e in particolare in Europa, sia prima che dopo la morte di Ferrer, si costituiscono comitati e si tengono meeting per protestare contro il processo farsa e la condanna. Anche il Piemonte è attraversato da questo moto di indignazione e in molte località si tengono manifestazioni e scioperi di protesta; dopo l'esecuzione, a Ferrer vengono intitolate strade e dedicati monumenti.
Fonte della descrizione: «Francesco Ferrer», numero unico, 13 feb. 1910; 
F. Bertolucci, "A ricordo imperituro ...", «A rivista anarchica», n. 340 dic. 2009-gen. 2010.
F. Bertolucci, La notoriété et le mythe de Ferrer dans le mouvement ouvrier et anarchiste italien, «La Pensée et le hommes, n. 79-80, 2010, p. 125.
Descrittori: Anticlericalismo,Biografiche
Compilatore della scheda: Franco Bertolucci
Data di compilazione: 21 Settembre 2010

Entità correlate

Musso, Giulio (ha avuto come artista)
Rissone, Ermenegildo (ha avuto come curatore)
Vigna, Annibale (has as author)

Luoghi correlati

Italia, Piemonte, Asti (è stato creato a)

Collezioni correlate

Documenti di pietra (fa parte di)